Il 23 giugno il Presidente Antonello Soro ha presentato al Parlamento la relazione annuale sulle attività dell’Autorità Garante per la Privacy. "Serve una Kyoto della protezione dati […] Siamo immersi nella società digitale ma non disponiamo degli anticorpi necessari: da qui la necessità di una nuova alfabetizzazione per gestire con prudenza i nostri dati. Tutte le istituzioni sono chiamate ad un supplemento di impegno".

Il Garante ha posto l’accento sul tema del controllo a distanza dei lavoratori, argomento di uno dei decreti attuativi del Jobs Act e già oggetto di discussioni e polemiche. “E' auspicabile che il decreto legislativo all’esame delle Camere sappia ordinare i cambiamenti resi possibili dalle innovazioni in una cornice di garanzie che impediscano forme ingiustificate e invasive di controllo, nel rispetto della delega e dei vincoli della legislazione europea". Particolare attenzione è stata dedicata alle azioni intraprese sul tema della sicurezza e della riservatezza dei dati nella Pubblica Amministrazione Digitale. Per garantire un corretto bilanciamento tra trasparenza della PA e riservatezza dei cittadini sono state emanate linee guida sulla pubblicazione di atti e documenti on line.

Sono state dettate ulteriori regole per la tutela degli abbonati telefonici contro il telemarketing aggressivo (numerose sono state le prescrizioni e sanzioni adottate nei confronti di società che operano nel settore).

Il Garante ha poi lanciato l’allarme sulla sicurezza dei dati, sempre più minacciati da fenomeni di cybercrime. "Non c’è protezione dei dati senza sicurezza e garantire la sicurezza è sempre più difficile - ha detto Soro - considerato l'aumento esponenziale della criminalità informatica, di cui tutti siamo potenziali vittime: dai furti di identità, di account personali, alla violazione dei sistemi di pagamento elettronico fino ai blocchi di computer con finalità estorsiva".

Il Garante ha infine tracciato un quadro delle attività svolte nel 2014: provvedimenti, attività ispettive, risposte a richieste e segnalazioni, sanzioni.

Il testo completo della relazione è disponibile sul sito del Garante al seguente link: Relazione Garante Privacy

Autore: Paolo Raimondi, Privacy Officer di Polimatica Progetti S.r.l.

 

 

News

04/10/2017 GDPR: qualcosa di nuovo, ma anche molto di vecchio!
E’ questo il tema di un articolo interessante e anche un po’ provocatorio  che il nostro...
22/09/2017 A proposito di Regolamento europeo Privacy (GDPR): quali gli impatti su enti e aziende?
Il prossimo 13 novembre, a Reggio Emilia, il nostro partner Secure Online Desktop organizza, con la...
11/11/2016 A Verona, presenze qualificate alla giornata con i professionisti della Privacy e della Sicurezza dei Dati.
Cybersecurity e Privacy 2.0 è il titolo del seminario che Polimatica Progetti  ha tenuto lo...