Il Parlamento ha approvato in prima lettura il progetto di legge per il Regolamento europeo sulla protezione dei dati; per le società che infrangono le regole sono previste sanzioni fino a 100 milioni di euro o fino al 5% del fatturato mondiale annuo. Una volta che il Regolamento sarà stato approvato in via definitiva, gli stati membri avranno 2 anni a disposizione per l’attuazione a livello nazionale e non occorrerà più seguire 28 differenti legislazioni nazionali.

Questo rappresenta un altro passo in favore di una percezione più concreta delle tematiche legate alla data protection. L’attenzione verso il cloud computing, la profilazione degli utenti e il bilanciamento di interessi, le regole per il marketing, le misure per la sicurezza dei dati delle persone, non dovranno essere più percepite come un ostacolo burocratico allo sviluppo dell’impresa ma come un valore aggiunto e un ulteriore strumento di tutela e sviluppo per il proprio business.

Autore: Paolo Raimondi, Privacy Officer di Polimatica Progetti S.r.l.

 

Per approfondimenti:

http://www.europarl.europa.eu/news/it/news-room/content/20140307IPR38204/html/I-deputati-inaspriscono-le-norme- per-proteggere-i-dati-personali

http://www.europarl.europa.eu/news/it/news-room/content/20140310STO38525/html/Albrecht-e-Droutsas-regole- comuni-per-una-migliore-protezione-dei-dati

News

04/10/2017 GDPR: qualcosa di nuovo, ma anche molto di vecchio!
E’ questo il tema di un articolo interessante e anche un po’ provocatorio  che il nostro...
22/09/2017 A proposito di Regolamento europeo Privacy (GDPR): quali gli impatti su enti e aziende?
Il prossimo 13 novembre, a Reggio Emilia, il nostro partner Secure Online Desktop organizza, con la...
11/11/2016 A Verona, presenze qualificate alla giornata con i professionisti della Privacy e della Sicurezza dei Dati.
Cybersecurity e Privacy 2.0 è il titolo del seminario che Polimatica Progetti  ha tenuto lo...